Firenze e provincia

a cura della redazione di Reality Magazine


NEWS DA TUTTO SPOSI

Fonte: Ufficio Stampa

Un selfie è per sempre – Tutto Sposi 2017
Torna per il terzo anno consecutivo il concorso un selfie è per sempre .
Vieni a trovarci con la tua dolce metà dal 28 ottobre al 1 novembre 2017 presso la Fortezza da Basso di Firenze! All’ingresso del padiglione troverai l’area dedicata al contest fotografico dove puoi scattare il tuo selfie con i nostri strumenti (cellullare e selfie stick)! La tua foto verrà pubblicata sulla nostra pagina ufficiale facebook Tutto Sposi e condivisa dai nostri partner.

Per la 25° edizione della fiera la Tutto Sposi propone un nuovo concorso intitolato "Insieme io e te… funzioniamo perché"
Potete partecipare al concorso compilando il voucher d’ingresso con la frase, il motivo, la ragione per cui la vostra coppia funziona (il voucher è disponibile presso i nostri espositori oppure online nella sezione biglietti).

Vuoi essere tu la ragazza immagine della prossima edizione di Tutto Sposi? Pensi che il tuo sia il volto da modella che stiamo cercando? Allora cosa aspetti, questa potrebbe essere l’occasione giusta per te, iscriviti per partecipare al nostro concorso "Un volto da modella 2017". Anche quest’anno la Tutto Sposi di Firenze, in programma dal 28 ottobre al 1 novembre presso la Fortezza da Basso, è in cerca della sua testimonial per la campagna pubblicitaria per la Tutto Sposi 2017!
Partecipare è semplice, basta iscriversi gratuitamente tramite il seguente modulo di iscrizione e verrai contattata dal nostro team per tutti i dettagli (scadenza concorso: 20-10-2017).

Vivere la magia del matrimonio da un’altra prospettiva. Costruire ogni pezzo di un giorno memorabile, proprio come in un puzzle. Guardare gli occhi degli Sposi che sorridono e ti dicono GRAZIE: ecco il significato della professione del wedding planner.
Due appuntamenti completamente gratuiti ti aspettano presso l’area sfilate di Tutto Sposi nelle seguenti date ed orari:
Domenica 29 ottobre ore 15.00
Mercoledì 1 novembre ore 11.15

Il mondo delle professioni a confronto domani a Firenze

Ufficio stampa



“Statuto Lavoro Autonomo e disegno legge equo compenso - 47 anni di attesa per i primi passi nelle tutele del mondo del lavoro autonomo”.

Convegno nazionale lunedì all’Auditorium Telecom





Il mondo delle professioni a confronto a Firenze. Un comparto formato da 4 milioni di operatori che rappresentano il 12,5 % del Pil nazionale.

“Statuto Lavoro Autonomo e disegno legge equo compenso - 47 anni di attesa per i primi passi nelle tutele del mondo del lavoro autonomo” è il tema del convegno organizzato da Confprofessioni Toscana a Firenze il 23 ottobre, ore 14.30-19.15, presso l’Auditorium Telecom Spa - viale Guidoni, 42.

Il convegno si propone di analizzare, attraverso contributi autorevoli, le novità introdotte dalla nuova normativa per i professionisti, in particolare sotto il profilo delle tutele contrattuali, del welfare e della competitività. A questo si aggiunge il tema dell'equità del compenso dei professionisti, oggetto di un recente disegno di legge teso a salvaguardare la proporzione della remunerazione alla quantità e alla qualità del lavoro svolto, al contenuto e alle caratteristiche della prestazione resa dal professionista.

Tra i relatori, oltre al consigliere del presidente della Regione Toscana Gianfranco Simoncini, il presidente dell’Agenzia nazionale Politiche attive del lavoro Maurizio Del Conte e il primo vicepresidente Ceplis Consiglio europeo Professioni liberali e presidente nazionale Confprofessioni Gaetano Stella.



“Ci troviamo in una situazione in cui i redditi medi dei professionisti negli ultimi 10 anni sono calati di quasi il 20% e i giovani stentano a varcare la soglia annua dei 20.000 euro. E’ ormai irrimandabile una soluzione legislativa che sancisca il diritto a un giusto compenso per chi svolge lavoro professionale e intellettuale, riconoscendone la dignità. A cominciare dai contratti con la pubblica amministrazione. Sottolineo l’importanza che le Regioni si facciano carico della crescita professionale dei giovani professionisti fornendo loro ogni tipo di utility”, dice il presidente di Confprofessioni Toscana, Ivo Liserani.

A VILLA CARUSO ENOGASTRONOMIA DA 10 E LODE

Ufficio Stampa

La rassegna enogastronomica si svolge sabato 21 e domenica 22 ottobre

Un weekend da trascorrere in una delle più belle location della campagna fiorentina alla scoperta dei più autentici sapori autunnali del territorio. Il vino, le castagne, il miele, lo zafferano, le chiocciole: questi sono solo alcuni degli ingredienti che saranno sapientemente reinterpretati dalle mani che dei cuochi dell’associazione Cuochi fiorentini. Gli chef proporranno due giorni di cooking show con innovative ricette tutte da imparare. E con piatti espressi da ammirare e da assaggiare. E ancora una mostra-mercato di prodotti enogastronomici con una straordinaria degustazione al costo promozionale di10 euro che comprende tutti gli assaggi, la brochure con calice e tracollina e la visita inclusa al Museo Caruso, tutto da scoprire e riscoprire. Si preannuncia imperdibile la rassegna enogastronomica Il Gusto in villa, A tavola con Caruso che si svolgerà il 21 e 22 ottobre nei meravigliosi salonidella villa Caruso Bellosguardo a Lastra a Signa, dal 2012 sede permanente del Museo Caruso. La dimora toscana del celebre tenore napoletano Enrico Caruso, una delle location più belle dei colli fiorentini, farà infatti da sfondo alla due giorni di degustazioni.

Cooking show

Cuore dell’evento saranno appunto i cooking show a cura dell’associazione Cuochi fiorentini: i piatti realizzati saranno proposti in assaggio a tutti i visitatori. L’Associazione cuochi fiorentini è erede di un’antichissima tradizione, quella dei “liberi professionisti della cucina”, che tutt’oggi riunisce sul territorio fiorentino. Oggi l’associazione sta attraversando un periodo di grande rinnovamento alla guida delnuovo presidente Massimiliano Catizzone, con la scuola di cucina i corsi di cucina che si svolgononella nuova sede fiorentina di Piazza Dallapiccola.

ENZO TRAPANI

FONTE: STUDIO ABBA

Enzo Trapani porta a Firenze il sole della Florida con i suoi colori ricchi di pathos. Partendo da forti colori primari, stemperati in una tavolozza variegata, Enzo Trapani ci svela le proprie emozioni e gli stati d’animo che hanno dato vita alle sue opere. Come ha scritto Giampaolo Trotta:

“Spesso, troppo spesso purtroppo, nell'arte contemporanea, si profondono energie assai maggiori per l’interpretazione delle opere di quanto non si faccia nella loro stessa creazione da parte dell'artista. Trapani, senza appellarsi alle innegabili istanze dell'inconscio o alle ermetiche 'prescrizioni' della critica, permette al colore di riappropriarsi di uno spazio 'amorosamente' ludico e primieramente estetico, liberandolo dai rigidi dettami del senso univoco assoluto. Opere, quindi, istintuali, di una gestualità gioiosa ed astratta, dove s’insinua, in un equilibrio meditato, una razionalità mai sofisticata.


La mostra, curata da Vito Abba, è organizzata dallo Studio Abba di Firenze.
26 ottobre - 9 novembre 2017, ingresso gratuito, solo su appuntamento.

Collezione Stengel
Palazzo Rosselli del Turco
Via dei Serragli, 17
50124 Firenze

Per informazioni info@studioabba.com

IL MAGGIO MUSICALE OMAGGIA PAOLO POLI

Ufficio Stampa

Sono molti più di 500 gli appellativi che si possono dare a Paolo Poli e che sono state e sono tutt’ora le facce multiformi del suo essere artista a tutto tondo e che verranno mostrate al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino per ricordarlo in una mostra, visitabile sino 6 gennaio 2017, definita meglio “un album” che lo ricorderà a poco più di un anno dalla sua scomparsa.
Saranno esposte le fotografie di scena di tutti gli spettacoli e poi oggetti, scene, addirittura un teatro che calerà dall’alto nell’ ingresso del grande foyer e anche i 586 - tanti sono infatti - aggettivi con cui la stampa ha descritto Poli e che il pubblico potrà riscontrare da sé non solo leggendoli sugli schermi che li mostreranno ma desumendoli, calandosi in quella carrellata storica della sua vita artistica grazie alla grande quantità di immagini, video, oggetti che saranno esposti.
A tracciare il percorso della mostra, dal foyer di platea, nei due corridoi e nel primo piano del foyer di galleria ci saranno 40 monitor, uno per ogni spettacolo che Poli ha realizzato (dal '50 al 2014) in un percorso che copre 64 anni di progetti e attività teatrale. Sugli schermi scorreranno loop di immagini, video, bozzetti di scene di Eugenio Guglielminetti, Anna Anni, Aldo Buti; bozzetti di costumi di Santuzza Calì, Danda Ortona; locandine e poster. Ogni postazione avrà delle cuffie per poter ascoltare la voce di Poli che a volte recita a volte canta a volte descrive lo spettacolo che si sta osservando. Nel foyer saranno poi mostrate alcune delle sue più emblematiche ed enormi scenografie (realizzate da Lele Luzzati e Lorenzo Tornabuoni) che caleranno dal soffitto del teatro sospese nel vuoto.
Per non trascurare il prezioso lavoro che Paolo Poli ha fatto sul linguaggio e sulla lingua italiana, il Teatro del Maggio ha pensato di ribattezzare la saletta Mercurio in saletta Aldo Palazzeschi dove una piccola platea di una trentina di persone potrà, di volta in volta, ascoltare e vedere in video Paolo Poli che recita una selezione delle più belle poesie del poeta toscano.
La mostra-album si svilupperà anche nel foyer della galleria dove ci sarà un Paolo Poli gigante, proiettato su una volta alta 6 metri e dove verrà ricordato doverosamente anche il Poli cantante, uno dei più grandi interpreti della canzone italiana del ‘900, sia come interprete che come riscopritore/operatore culturale: sarà il sonoro di questo video inedito (tratto dal recital Mezzacoda) a diffondersi in tutto il foyer.

AmZ F/W 18 CAPSULE COLLECTION by Alexandra Zofcin

Fonte: FLY Fashion Loves You

Che cosa è la femminilità? Unisciti a noi per celebrare ciò che la femminilità significa per te, con la nuova collezione di capsule AmZ progettista emergente "Femininity Is ..." creata dalla studentessa Alexandra Zofcin presso la prestigiosa scuola fiorentina FUA di Borgo Pinti al 20R. ù

La liberazione dalle norme sociali è ciò che ti fa chi sei. La femminilità non è qualcosa definito da altri ma abbracciato attraverso l'individualità.

La festa di lancio dello scorso 17 ottobre è stata allietata da uno spettacolo dal vivo, un aperitivo delizioso, un bar dedicato a ottimi vini e bollicine, un regalo speciale AmZ per i primi dieci ospiti.

La collezione di Zofcin incarna un risveglio dai vincoli sociali nella costante ricerca di chi siamo.
"La femminilità è quello che fai di essa!"

Curiose di scoprire questa bella collezione? Recatevi al FLY Store di Borgo Pinti 20R: Rimarrete entusiaste!

PRETIOSA VITREA

Fonte: Museo Archeologico di Firenze

Dal 17 ottobre 2017 al 29 gennaio 2018.
La mostra, che nel titolo si ispira ad un passo del Satyricon di Petronio, si propone di offrire all’attenzione del pubblico e degli studiosi una panoramica sul patrimonio vitreo antico conservato nei principali musei archeologici e in alcune importanti collezioni private della Toscana.
La qualità delle opere vitree databili dall’Egitto dinastico alla tarda età imperiale possedute dai musei archeologici toscani non ha nulla da invidiare ai reperti conservati nelle più celebri raccolte pubbliche italiane e internazionali: eppure, sia per la difficoltà di esporre i vetri nei percorsi museali, sia per le oggettive difficoltà legate ad una corretta conservazione di materiali così fragili, difficilmente il visitatore ha una chiara percezione di questa eccellenza.
Attraverso ben 314 vasi e frammenti in vetro, di cui 12 faraonici, 11 etruschi 73 greci e 218 romani di varia epoca e provenienza, e lungo un percorso che si sviluppa in 13 vetrine, sarà offerta ai visitatori la possibilità di conoscere e apprezzare un patrimonio dell’arte antica ad oggi pressoché ignoto, nonostante l’assoluta eccellenza delle opere in mostra e il fascino delle loro infinite forme, dei colori variegati, del luccichio dei loro riflessi dorati.
In questa "riscoperta" del vetro antico in Toscana, accanto ai reperti conservati nei musei pubblici, un ruolo di primo piano spetta anche a quelli provenienti da raccolte private, come la Collezione del Museo del Vetro e della Bottiglia del Castello Banfi a Montalcino, che, sia per qualità delle opere possedute che per il loro numero, sono da annoverare fra le maggiori nel loro genere a livello internazionale.
La mostra Pretiosa vitrea, prima nel suo genere realizzata in Toscana e curata da un gruppo di lavoro che annovera esperti di riconosciuta fama nei diversi settori di competenza, si caratterizza come un’iniziativa di assoluta originalità nel panorama espositivo fiorentino, proponendosi, al contempo, come punto di avvio per una più adeguata valorizzazione del patrimonio vetrario antico nel sistema museale della regione.
17 ottobre 2017 - 29 gennaio 2018

Ingresso compreso nel biglietto del museo
intero: € 4,00 ridotto: € 2,00

MAF Museo Archeologico Nazionale
Piazza Santissima Annunziata n. 9b - 50122 Firenze

ANTONIO SANTAGATA ALLA GALLERIA COVERI

dal corrispondente Carmelo De Luca

Presso la Galleria Coveri continua la mostra dedicata ad Antonio Giuseppe Santagata, poliedrico maestro del XX secolo, i cui scenografici cartoni ostentano dinamica bellezza lungo le pareti della blasonata location fiorentina. Conservate grazie a Casa d’Aste Cambi, le opere esposte trasudano manifesto spessore artistico di opera compiuta, bypassando quello stadio di creazione preparatoria che, in genere, identifica il cartone. Ideate per affrescare la romana Casa Madre dei Mutilati e Invalidi di Guerra, Casa Littoria di Bergamo, Casa del Mutilato di Milano, le toccanti creazioni a carboncino raccontano episodi soldateschi vissuti in trincea, figure allegoriche, corpi d’armata, trasudanti senso etico ricco in valori e volutamente lontani dalla retorica accademica.

Galleria del Palazzo Coveri
Firenze – Lungarno Guicciardini, 19
Sino al 26 ottobre 2017
Orario: Martedì – Sabato 11:00-13:00 / 15:30-19:00
ingresso libero

GUIDE ESPRESSO 2018

Dal Corrispondente Carmelo De Luca

Come da tradizione, la Guida Espresso 2018 trova nuovamente dimora presso la fiorentina Stazione Leopolda, tutta inghingherata per festeggiarne il quarantesimo compleanno. Ed è Milano a confermarsi attrazione italica nel settore culinario, supportata dalle lusinghiere performance piemontesi e campane. Novità graditissima, il “Cappello d’Oro”, assegnato alle strutture ristorative che hanno lasciato il segno nella cucina nostrana, catapulta fortunati assegnatari nel gotha degli esercizi storici. Molti volti noti ambiranno al sospirato premio, eccellenze conosciutissime anche fuori confine, basti menzionare Enoteca Pinchiorri a Firenze, S. Domenico a Imola, La Pergola presso Hotel Rome Cavalieri a Roma, Casa Porbelini a Verona, La Torre del Saracino a Vico Equenze, indiscussi pionieri della haute cuisine italiana. Ma chi saranno i nuovi guru, entrati a far parte dell’olimpo Guide Espresso? Setacciata a modino la nostra bella Italietta, Enzo Vizzari con rispettiva equipe ne hanno svelato i nomi lo scorso agosto, eccoli: La Francescana a Modena, pranzo dell’anno; Davide Caranchini presso Materia (Cernobbio), giovane dell’Anno; Gaia Giordano presso Spazio (Milano), cuoca dell’anno; Vincenzo Donatello presso Piazza Duomo (Alba), maitre dell’anno.
Il pomeriggio della attesissima manifestazione ottobrina vedrà protagonisti blasonati vini, battuti all’incanto dalla storica casa d’aste Pandolfini. Nutrita la scelta di etichette superstellate, si va dal Sassicaia Tenuta San Guido 2013 al Selezione Barolo Falletto Etichetta Bianca Bruno Giacosa, dal Masseto 2004 al Selezione Borgogna 2014,
dal Selezione Domaine de la Romanee Conti 2002 allo champagne Cristal Roederer 1990, insomma un trionfo di nettari per palati esigenti.


Vino è 2017

Fonte: Staff Vino è

Partiamo innanzitutto dalla novità di quest’anno ovvero dal fatto che la manifestazione si sposta fino al lunedì, quindi Domenica 5 Novembre e Lunedì 6, questo per venire incontro alle esigenze degli operatori nella distribuzione e vendita del vino e dei ristoratori.
Anche quest’anno il programma dell’evento si svolgerà in 4 aree all’interno della stazione Leopolda:
Area1
L’evento principale ovviamente è rappresentato dalla presenza, nell’area più grande della Leopolda, di 150 aziende selezionate da FISAR e dagli sponsor con i loro banchi di assaggio. Il criterio di selezione risponde ai principi delle medio-piccole dimensioni, quasi in tutti i casi le aziende hanno una produzione di 300.000 bottiglie massimo. E’ sicuramente interessante portare a Firenze, alla Stazione Leopolda che di solito vede alternarsi manifestazioni enologiche di carattere regionale anche una rappresentanza di produttori nazionali e in alcuni casi anche internazionali.
Area 2
L’area allestita a teatro che sarà protagonista delle tavole rotonde, dei dibattiti relativi. Come lo scorso anno avremo l’opportunità di coinvolgere produttori, consorzi e istituzioni.
Area 3
L’area dedicata al cibo, agli show cooking e all’abbinamento cibo-vino. Quest’anno tenteremo un esperimento di fusione con cucina extraeuropea, in particolar modo orientale, con i vini nazionali in abbinamento.
Area 4
Lo spazio dedicato alle grandi degustazioni guidate e alle Masterclass, su prenotazione, come lo scorso anno.
vviamente la cornice di Vinoè ospiterà anche la finale del concorso Miglior Sommelier d’Italia, le cui qualificazioni regionali si stanno svolgendo in questo periodo. 12 sommelier tra i migliori selezionati si contenderanno il titolo 2017
A concludere i ringraziamenti del Segretario Nazionale, Laura Maggi, che ha invitato tutti i presenti al buffet svoltosi nella sala contigua per un aperitivo offerto dalla bottega fiorentina Pane Amore e Fantasia e un calice di Champagne JM Goulard Paul Tradition, distribuito in Italia da Fier ce Fît.


                             

 

Powered by: MR GINO