Firenze e provincia

a cura della redazione di Reality Magazine


Un panificio 4.0 vista Battistero, Mariotto apre in via Martelli

Fonte: Ufficio Stampa

Un panificio ad alta tecnologia con vista sul Battistero e prezzi alla portata di tutte le tasche: apre in via Martelli n. 28-30r Mariotto, molto più di una panetteria. A partire dall’insegna, intitolata al protagonista del locale: Mariotto, infatti, è il nome proprio di una focaccina di circa 40 grammi, disponibile sia con farina 00 che con farina integrale, vuota, farcita o in versione pizza, per un totale di 55 varianti salate e una decina di proposte dolci. Che verranno lievitate, preparate e sfornate durante l’intero arco della giornata a 10 metri dal bancone, in base alle richieste del pubblico, grazie a una particolare gestione software appositamente sviluppata per il nuovo format di panificio. La catena di produzione è in grado di gestire fino a 2mila pezzi all’ora. Interamente all’interno del negozio e con prodotti del territorio.
Ideato e gestito da Giovanni Mariotti, panificatore di terza generazione, Mariotto sarà aperto con orario continuato dalle 9 di mattina fino alle 24 circa, ma al riprendere dell’anno scolastico alzerà il bandone un’ora prima. Da colazione a cena, passando per pranzi, spuntini, aperitivi. Perché l’offerta è quanto mai variegata e modulabile a seconda degli appetiti. Oltre alle focaccine, sul menu si troveranno anche una decina di taglieri dei più compositi, dal Mini, con crudo, salame, cipolline e olive, consigliato con un calice di prosecco, all’Extra Large, con salumi, formaggi, arista e lardo, sempre accompagnati da un cono di verdure di stagione fritte. Ogni proposta si abbina a un vino o a una birra: sulla carta etichette importanti da ordinare al calice o in bottiglia, birra alla spina e in bottiglia. Sempre nell’ottica di un pasto il più possibile personalizzabile da parte del consumatore.
La tecnologia si ritrova anche in altre accortezze, come la rete wifi free per i clienti e le postazioni di ricarica per gli smartphone. Una quindicina i posti a sedere all’interno del locale, arredato in stile contemporaneo dallo Studio di architettura Q-Bic di Luca e Marco Baldini, a cui si aggiungono circa 40 posti all’esterno, vista Battistero. Non c’è il servizio al tavolo, ma il coperto non si paga. E la vista nemmeno.

Piazzale Michelangelo ritrova lo splendore dell’antica balaustra

Fonte: Uffcio Stampa


Intervento di restauro per oltre un milione di euro finanziato da Starhotels

Un gesto importante per la città di Firenze e per l’arte mondiale in genere, in un momento in cui più che mai è necessario preservare l’offerta culturale del nostro Paese.
È questo il messaggio che parte da Piazzale Michelangelo, nel giorno dell’inaugurazione ufficiale delle nuove balaustre tenuta dal sindaco di Firenze Dario Nardella e da Elisabetta Fabri, Presidente ed AD di Starhotels.
Il piano degli interventi di restauro, che hanno coinvolto le balaustre in ghisa che cingono il Piazzale e quelle antistanti la terrazza opposta, ha riportato la struttura ai fasti dell’epoca in cui venne progettata e realizzata da Giuseppe Poggi fra il 1865 ed il 1875, in occasione del trasferimento della capitale d'Italia da Torino a Firenze, all’interno del piano di ampliamento della città.
I lavori di restauro, progettati e realizzati dalla Direzione Servizi Tecnici, Servizio Belle Arti e fabbrica di Palazzo Vecchio, sono iniziati a gennaio 2016 e finanziati da Starhotels tramite Art Bonus per oltre un milione di euro. Il progetto di restauro del Piazzale era stato sposato da Starhotels nel dicembre 2015, in occasione del 35° anno di vita.
Grande soddisfazione da parte del Presidente di Starhotels, Elisabetta Fabri, che afferma: “Come azienda italiana e fiorentina siamo molto orgogliosi di aver contribuito al restauro di uno dei simboli più belli di Firenze. Il Comune ha dimostrato grande competenza e serietà nel portare a termine questo nobile progetto nei tempi promessi. La tutela ed il mantenimento dei nostri preziosi beni culturali è fondamentale per attrarre turismo internazionale di qualità, creando valore aggiunto per le nostre città e le basi per un futuro economico florido per il nostro Paese”.
“Quando pubblico e privato si incontrano nell’obiettivo comune del bene della città e del suo patrimonio dimostrano lungimiranza e amore per Firenze – ha sottolineato il sindaco Nardella –. Per questo ringraziamo la generosità di Starhotels e ci auguriamo che altri privati possano seguire questo esempio nella direzione di una sempre maggiore valorizzazione e riqualificazione dei nostri capolavori culturali e artistici. più imponente restyling della terrazza più bella e famosa della città".

Piazzale Michelangelo ritrova lo splendore dell’antica balaustra

Fonte: Ufficio Stampa

Intervento di restauro per oltre un milione di euro finanziato da Starhotels

Un gesto importante per la città di Firenze e per l’arte mondiale in genere, in un momento in cui più che mai è necessario preservare l’offerta culturale del nostro Paese.
È questo il messaggio che parte da Piazzale Michelangelo, nel giorno dell’inaugurazione ufficiale delle nuove balaustre tenuta dal sindaco di Firenze Dario Nardella e da Elisabetta Fabri, Presidente ed AD di Starhotels.
Il piano degli interventi di restauro, che hanno coinvolto le balaustre in ghisa che cingono il Piazzale e quelle antistanti la terrazza opposta, ha riportato la struttura ai fasti dell’epoca in cui venne progettata e realizzata da Giuseppe Poggi fra il 1865 ed il 1875, in occasione del trasferimento della capitale d'Italia da Torino a Firenze, all’interno del piano di ampliamento della città.
I lavori di restauro, progettati e realizzati dalla Direzione Servizi Tecnici, Servizio Belle Arti e fabbrica di Palazzo Vecchio, sono iniziati a gennaio 2016 e finanziati da Starhotels tramite Art Bonus per oltre un milione di euro. Il progetto di restauro del Piazzale era stato sposato da Starhotels nel dicembre 2015, in occasione del 35° anno di vita.
Grande soddisfazione da parte del Presidente di Starhotels, Elisabetta Fabri, che afferma: “Come azienda italiana e fiorentina siamo molto orgogliosi di aver contribuito al restauro di uno dei simboli più belli di Firenze. Il Comune ha dimostrato grande competenza e serietà nel portare a termine questo nobile progetto nei tempi promessi. La tutela ed il mantenimento dei nostri preziosi beni culturali è fondamentale per attrarre turismo internazionale di qualità, creando valore aggiunto per le nostre città e le basi per un futuro economico florido per il nostro Paese”.
“Quando pubblico e privato si incontrano nell’obiettivo comune del bene della città e del suo patrimonio dimostrano lungimiranza e amore per Firenze – ha sottolineato il sindaco Nardella –. Per questo ringraziamo la generosità di Starhotels e ci auguriamo che altri privati possano seguire questo esempio nella direzione di una sempre maggiore valorizzazione e riqualificazione dei nostri capolavori culturali e artistici.

IL SEDUTTORE DELLE NOTTI VERSILIANE

Dal corrispondente Carmelo De Luca

Vulcanico signore dai modi gentili, fiuto acutissimo nello scrutare tendenze, fine conoscitore del bel mondo: Gherardo Guidi racchiude queste tre anime sapientemente trasmesse a La Capannina, prediletta figlia acquisita nel lontano 1977. L’onirico dancing conserva immutato tutto il fascino degli anni ’50, insomma una istituzione italica che attira giovani dalla Toscana e non solo. Grazie al rinomato sesto senso, Guidi ha reso appetibile la sua reggia a nomi altisonanti dello spettacolo, basti menzionare Gino Paoli, Bruno Lauzi, Edoardo Vianello, Patty Pravo, Ornella Vanoni, Peppino di Capri, Gloria Gaynor, Grace Jones, Ray Charles. Tutt’oggi, La Capannina rappresenta meta obbligata per VIP in aria di relax, così Belen Rodriguez, Valeria Marini, Claudia Gerini, Ilary Blasy, Giorgio Panariello,Teo Teocoli, Jerry Calà, Bruno Sposà ed altri allietano magiche serate, mantenendo intatto quell’alone di bramata location à la mode tra disco music e live show, sinonimo di life style nella frenetica vita notturna fortemarmina sospesa tra allori trascorsi e tendenze modaiole, allietata da prelibatezze culinarie, divertimento, gente allegra.
Chissà quante storie, aneddoti, curiosità sulla mondanità internazionale nasconde il “Patron”, conosciuta sin dagli esordi alla Sirenetta presso Castelfranco di Sotto. Ebbene si, mister Guidi personifica il bello del night diving, suo amabile seduttore con fiuto da talent scout, sensibile conoscitore musicale, apprezzato batterista, eccellente organizzatore della movida coi fiocchi.
Finalmente segreti, retroscena, successi, sogni legati alla “fever night” tra Firenze, Bologna,Versilia saranno svelati! Il re de La Capannina si racconta nel libro “Cosi ho sedotto la notte”, appassionante viaggio nei luoghi simboli che hanno fatto la storia della musica dance.
Curatissimo nell’aspetto descrittivo, sociale, musicale, il prezioso volume edito dalla storica casa editrice Polistampa trova supporto logistico in Once, notoria agenzia fiorentina specializzata in ideazione, realizzazione, comunicazione di eventi.

LA CARICA DELLE 1.000 DONNE SOROPTIMIST

Fonte: Ufficio Stampa Firenze Fiera


ALLA FORTEZZA DA BASSO DAL 14 AL 16 LUGLIO

Arrivano a Firenze da tutto il mondo con la professionalità, la tenacia e la lungimiranza che è propria delle donne per un confronto costruttivo sulle forze da mettere in campo per migliorare le condizioni di vita femminile, specie nei paesi poveri e più disagiati, offrendo a donne e ragazze, grazie ad un’educazione consapevole, il passaporto per una vita migliore.
L’appuntamento è alla Fortezza da Basso dove dal 14 al 16 luglio si svolge il 21° Congresso del Soroptimist International of Europe intitolato “Own the future – Education, your passport to a better life”.

La sessione plenaria del congresso è dedicata alle donne ispiratrici in STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica), seguita da due sessioni tematiche parallele: “Spaccare il soffitto di cristallo” e “Donne in verde: energie rinnovabili, tecnologie pulite e migliori pratiche”.

“E’ la prima volta che un congresso SIE si tiene in Italia – dichiara Flavia Pozzolini, Presidente del Congresso – ed è la prima volta che giovani donne sono invitate a partecipare con il totale supporto dell’associazione. Il nostro intento è quello di dare a ragazze promettenti, anche di paesi lontani come il Madagascar e il Mali, un’opportunità concreta per cambiare la loro vita. Offriamo loro la possibilità di incontrare scienziate eminenti provenienti da diversi campi scientifici e diversi paesi europei. Donne ispiratrici, menti vibranti con le quali queste giovani donne STEM potranno interagire direttamente”.

Fra queste la fisica polacca Agnieszka Zalewska, dal 2013 al 2015 presidente del Consiglio del CERN, Susanna Terracini, ordinaria di Analisi Matematica presso l’Università di Torino, la genetista belga Christine van Broeckhoven dell’Università di Antwerp, conosciuta soprattutto per la sua ricerca pionieristica nel campo delle demenze neurodegenerative, a cui ha apportato importanti contributi.

Venerdì 14 alle ore 16.30 il Rettore dell’Università di Firenze, Luigi Dei terrà una lettura magistrale in omaggio a Marie Curie nel 150 anniversario della nascita, prima cattedratica donna in materie scientifiche alla Sorbonne e l’unica donna, fra i quattro vincitori di più di un Nobel, ad aver vinto in due discipline distinte (fisica e chimica).

INFO:http://www.soroptimistflorence2017.com/

Vetrina toscana, al via eventi estate 2017 in provincia di Firenze

Fonte: Daniela Mugnai

Arte e cultura all'insegna del buon gusto per le iniziative organizzate dalla Camera di Commercio di Firenze in collaborazione con Confcommercio e Confesercenti nell'ambito del progetto regionale di Vetrina Toscana. Quattro eventi dedicati ai prodotti tipici del territorio ospitati in altrettante ville storiche e musei per una full immersion nel “buon gusto” toscano. Zafferano delle colline fiorentine, marrone del Mugello Igp, cipolla di Certaldo, questi alcuni dei protagonisti dei cooking show che vedranno impegnati ristoratori di Vetrina Toscana del territorio.

La conoscenza si approfondisce anche con la degustazione di Pane toscano Dop, Olio toscano Igp, Chianti dei Colli Fiorentini Docg, Cinta senese Dop, Finocchiona Igp, raccontati dai rappresentanti dei rispettivi Consorzi.

Gli eventi sono gratuiti e aperti al pubblico, su prenotazione, fino ad esaurimento dei posti disponibili e si rivolgono sia al pubblico che agli operatori del settore che avranno modo di mettersi in contatto con i produttori. Previste anche visite guidate ai musei e alle ville storiche.
Il primo appuntamento si è svolto lo scorso 4 luglio alle 19,00 presso la cinquecentesca Villa di Bellosguardo a Lastra a Signa per: “Melodie di zafferano nella dimora del grande tenore”.

Il calendario prosegue il 18 luglio a Villa Pecori Giraldi - Museo Manifattura Chini a Borgo San Lorenzo, per chiudere il 26 settembre al Palazzo Pretorio di Certaldo. E' prevista una data in settembre, ancora da definire, che si terrà al Museo della Ceramica di Montelupo.

Cena sotto le Stelle per l’A.T.T.

Fonte: Paola Neri


Per il terzo anno consecutivo l’Associazione Tumori Toscana A.T.T. e l’Associazione Borgognissanti organizzano a Firenze La Cena sotto le stelle in Piazza Ognissanti.

L’edizione di quest’anno si svolgerà il 6 Luglio p.v. alle 20.30.

A fare da cornice una delle più belle piazze fiorentine che si trasformerà per una sera in un salotto a cielo aperto per una cena che unisce la voglia di stare insieme e fare del bene.
La serata sarà presentata da Kagliostro, mentre il LessJazz Quartet accompagnerà gli ospiti con i più celebri capolavori della musica vocale americana in stile jazz e swing.
Per la partecipazione alla serata è prevista un’offerta di 30 Euro a sostegno del servizio di Cure Domiciliari Oncologiche gratuite.
L’evento si avvale del prezioso contributo di Consorzio Vino Chianti Enrico Coveri The Westin Excelsior, Florence Conad Jdevents Srl Savitransport. Si ringraziano per la collaborazione Asmana Wellness World Brandimarte Dandelion Firenze FISHING LAB Alle Murate Grande Museo del Duomo Scuola del Cuoio Dandelion Pecorino Toscano DOP Le Telerie Toscane.

Info e prenotazione: Paola Neri, 3356586211

FAIR PLAY MENARINI 2017

Fonte: Ufficio Stampa

Ivan Zaytsev, Zvonimir Boban, Jarno Trulli, Sofia Goggia, Federico Pellegrino, Yelena Isinbaeva, David Rudisha, Sara Anzanello, Fabio Piasacane e poi il campione olimpico Niccolò Campriani. Insieme a loro anche testimonial e premiati delle precedenti edizioni come Sasha Danilovic, Roberto Brunamonti, Giancarlo Antognoni, Umberto Panerai.
Sono soltanto alcuni dei protagonisti che faranno parte del lungo e prestigioso elenco di premiati durante l’edizione XXI del Premio Fair Play - Menarini.
Ricco e denso di novità il programma della manifestazione che prenderà il via il martedì 4 luglio con l’appuntamento “Sport in piazza” che dal pomeriggio animerà il Parco dei Pini a Castiglion Fiorentino. Nel dopocena, lo stesso spazio ospiterà alcuni grandi campioni dello sport che racconteranno le proprie emozionanti storie all’interno dell’evento “I Campioni si raccontano”, condotto dal giornalista Marino Bartoletti.
Racconteranno la loro storia e i loro aneddoti Francesca Porcellato, Knut Knudsen e l’atleta aretina delle Fiamme Gialle Benedetta Cuneo.
Il giorno seguente nella suggestiva cornice di Piazzale Michelangelo a Firenze, i premiati e gli ospiti prenderanno parte alla Cena di Gala, evento promosso ed organizzato dal Title Sponsor, la farmaceutica Menarini.
Infine il 6 luglio, dopo una visita nel centro storico di Montevarchi, i riflettori si accenderanno sullo splendido scenario del loggiato di Giorgio Vasari in Piazza del Municipio a Castiglion Fiorentino per la cerimonia di premiazione che sarà trasmessa in diretta su SportItalia sul canale 60 e 153 del digitale terrestre e sulla piattaforma Sky nel canale 225 a partire dalle 20,30.


MARIO CUOMO ALLA GALLERIA COVERI

Fonte: Ufficio Stampa

La Galleria del Palazzo Coveri ospita la personale dell’artista napoletano Claudio Cuomo “ La storia muta ” - La cartapesta in scultura”. In mostra un’accurata selezione di sculture di diverse misure dei suoi ultimi lavori e alcune opere in acrilico e disegni a penna. Claudio Como ha studiato pittura all’Accademia di Belle Arti di Napoli, per dedicarsi in seguito alla tecnica della cartapesta, già impiegata nel 1400 da autori famosi e per occasione eccezionali quali Brunelleschi, Donatello, Jacopo Sansovino, Michelangelo, Domenico Beccafumi ed altri ancora. Nel suo piccolo laboratorio di Via San Nicola al Nilo, più che un laboratorio somiglia a un cantiere fatato dove si trovano quadri, disegni, acrilici, oggetti di arredamento, ma il posto d’onore è per le sue opere in cartapesta. Cuomo lavora le sue sculture, con materiali umili ma dotati di grande duttilità e leggerezza quali il ferro filato, carta di giornale oppure quella per imballaggi, fogli colorati. Reinterpreta l’antica tecnica della cartapesta, strati di carta sovrapposti o carta macerata utilizzata come strato materico. Le sue opere di varie misure possono essere colorate o monocrome, in entrambi i casi quasi sempre il colore è quello della carta utilizzata. Cosi come la tecnica è varia, varia è anche la creazione dei suoi fantasiosi e originali personaggi come “La storia muta” titolo della mostra ,o la madre che assiste a eventi popolari; i ritratti di artisti famosi, Chaplin, Picasso, Bartali, Marilyn, le ispirazioni insolite prese da canzoni di cantautori, da soggetti storici, “Lucrezia d’Alagno” ,da quelli forniti dalla letteratura scrittori famosi Howard Phillips Lovecraft, amici o conoscenti, è quel dettaglio colto al momento che stuzzica la sua fantasia. Per Cuomo la cartapesta, poco conosciuta, ma dal profilo artistico alto, purtroppo poco conosciuto, è degno di rivalutazione.

La mostra sarà visitabile dal 29 giugno al 28 luglio 2017
Lungarno Guicciardini, 19

ANGELO ZAGAGLIA DA GADARTE

Fonte: Renzo Vatti

La mostra fiorentina di Angelo Zagaglia (GadArte di via Sant'Egidio dal
24 giugno al 6 luglio) è un'ulteriore tappa nel cammino artistico di uno
scultore che si è fatto da se animato da una grande passione e da
un'innata capacità di <mescolare> la tradizione, soprattutto del tardo
romanticismo. con un'impostazione moderna ed efficace. <Forme e
sensazioni> è il titolo della mostra che ha il patrocinio dei Comune di
Firenze e di Sorano (Angelo Zagaglia vive e ha il suo studio nella
piccola frazione di Montevitozzo, immersa nella natura e in un ambiente
incontaminato).L'inaugurazione, sabato 24 giugno alle 18, vedrà una
presentazione dell'artista da parte di Stefano Marmugi, presidente di
GadArte che dice: <Siamo lieti di ospitare, in collaborazione con
l'assessorato alla cultura del comune di Sorano uno scultore di grande
espressione e qualità e di farlo conoscere al pubblico fiorentino che
non potranno non apprezzarlo>. Martedì 4 luglio alle 18 visiterà la
mostra il presidente del consiglio regionale Eugenio Giani.


                             

 

Powered by: MR GINO